Vengono praticate nebulizzando un litro di acqua termale che viene aspirata da un flusso di vapore sotto pressione attraverso un ugello posto ad angolo retto, del diametro di 1 mm.

L’apparecchio esterno dell’inalatore ( che convoglia al paziente il vapore ed il nebulizzato) è sagomato e studiato per ottenere una finezza di micelle del nebulizzato idonea, conforme alla profondità che si desidera raggiungere nell’ambito respiratorio. Questo tipo di applicazione caldo-umida viene riservata al trattamento delle prime vie aeree (naso, faringe, laringe).